Scuola

Mamre nelle scuole

Prevenire, sensibilizzare e costruire spazi di incontro tra famiglie, alunni e insegnanti

L’Istituzione scolastica è da tempo coinvolta in un processo di trasformazione che ha visto accedere ai banchi della scuola, primaria e secondaria, un numero sempre più ampio di minori nati in nuclei familiari recentemente immigrati in Italia. Questo rinnovato contesto socio-demografico ha spinto l’Associazione Mamre a ideare un modello di intervento che consente di mettere in rete tutti gli attori in gioco nella vita scolastica favorendo la comunicazione, la sensibilizzazione su tematiche culturali e la mediazione scuola-famiglia. È quindi promuovendo un’educazione multiculturale che Mamre riesce a lavorare a partire dai bisogni e dai punti di vista di tutti i suoi interlocutori, facilitando l’incontro e la comunicazione tra dirigenti e docenti dell’Istituzione scolastica e tra questi ultimi e i diversi nuclei famigliari.

Mamre opera e ha operato nelle seguenti scuole:

• Scuola dell’infanzia Gianni Rodari (I.C.Ricasoli)
• Scuola dell’infanzia M. D’Azeglio (I.C.Manzoni)
• Scuola dell’infanzia Angelita di Anzio (D.D. Gabelli)
• Scuola elementare A. Gabelli
• Scuola elementare G.E. Pestalozzi (D. D. Gabelli)
• Scuola elementare Giovanni Cena (I. C. G.Cena)
• Scuola elementare Abbadia di Stura (I. C. G. Cena)
• Scuola elementare Micca (I.C.G.Cena)
• Scuola elementare Rayneri (I.C.Manzoni)
• Scuola elementare Muratori (I.C.Ricasoli)
• Scuola elementare Fontana (I.C.Ricasoli)
• Scuola media Rosselli (I.C.Ricasoli)
• Scuola media Manzoni
• Scuola media Keller (I.C.Manzoni)
• Scuola media Viotti (sede e due succursali)
• Scuola media Martiri del Martinetto (I.C. G. Cena)
• Centro territoriale permanente per la formazione e l’educazione in età adulta (D.D.Gabelli)

I servizi di Mamre

Punto Mamre
Si tratta di uno sportello d’ascolto rivolto agli insegnanti. Psicologi, antropologi e mediatori culturali accolgono difficoltà, criticità incontrate dagli insegnanti nel lavoro quotidiano. In relazione agli “alunni d’altrove”, infatti, spesso emerge l’esigenza da parte degli insegnanti di rivedere prassi e metodologie pedagogiche per ricercare nuove forme comunicative e nuove strategie di lavoro all’interno di classi multietniche.
Lo sportello rappresenta spesso un luogo sicuro dove molti insegnanti danno parola ai loro dubbi. Tra i molti interrogativi emersi, alcuni risuonano con più evidenza: come è possibile utilizzare con gli allievi migranti, competenze e strumenti del personale bagaglio professionale? Quale tipo di intervento pedagogico richiede l’alunno straniero? Quale cambiamento impone il nuovo scenario scolastico? Gli operatori Mamre accolgono tali quesiti e costruiscono, con gli insegnanti, risposte, mappe di senso e possibili percorsi di sostegno.

Mediazioni scuola famiglia
Vengono proposti spazi di incontro fra scuola e famiglia alla presenza di psicologi, antropologi, mediatori culturali. L’obiettivo della mediazione scuola-famiglia è quello di costruire un ponte comunicativo fra mondo scolastico e familiare per aiutare entrambi a conoscersi.
In questo contesto, scuola e famiglia presentano la propria matrice culturale, con logiche, funzionamento, valori, regole, ruoli e aspettative.
La mediazione diviene un’occasione di confronto e conoscenza, una possibilità per la scuola e la famiglia di trovare un proprio posizionamento, al fine di sostenere il percorso educativo e formativo dell’alunno.

Percorsi di consulenza e formazione per insegnanti
Vengono realizzati percorsi di consulenza e formazione orientati a sostenere gli insegnanti, a volte disorientati e confusi dentro ad una solitudine professionale, intrisa di dubbi, incertezze, di fronte all’incontro con l’alterità dell’alunno.
In anni di lavoro l’équipe scuola di Mamre ha promosso e sostenuto trasformazioni in molti insegnanti chiamati a trovare nuovi sguardi, nuove prassi di fronte ad una scuola in trasformazione.

Percorsi di accompagnamento ai servizi e risorse del territorio
Il lavoro con l’Istituzione scolastica e con le famiglie impone spesso la costruzione di un lavoro di rete. Mamre favorisce l’inclusione di risorse presenti sul territorio, (associazioni, servizi sociosanitari) in situazioni che necessitano di interventi articolati su più livelli.

Laboratori Mappamondi Condotti  da psicologi esperti in arteterapie e psicoterapie espressive sono  uno spazio creativo, espressivo, che offre al gruppo classe la possibilità di sperimentare interazioni, linguaggi e piani comunicativi non necessariamente verbali. Si configura quindi come uno spazio utile in classi multiculturali, dove sono presenti bambini migranti che non parlano l’italiano, e che diventando una preziosa occasione di creazione di spazi comunicativi e relazionali oltre la parola, a volte barriera e ostacolo inibente.

Laboratori Togunà Si tratta di un laboratorio offerto alle classi della scuola media, incentrato sulla parola.
Togunà è il più importante edificio pubblico dei villaggi Dogon in Mali, si caratterizza per un tetto fasciante e molto basso e accoglie il consiglio degli anziani chiamato a prendere decisioni sulla comunità. Lo spazio ristretto non consente alcuno scontro se non quello dialettico.
Togunà nelle scuole medie vuole essere la possibilità di dimorare in cerchio cercando un tempo ed un luogo nel gruppo classe, dove attivare riflessioni, comunicazioni, scambi , confronti, conoscenze.